Il Domenico Sportivo – 31/10/2007

Pubblicato: novembre 1, 2007 in Sport
Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

Da qualche ora siamo giunti al termine della decima giornata di campionato; visto che questo turno si è giocato di mercoledì il titolo dell’articolo che parafrasa ironicamente la trasmissione calcistica della RAI ha meno senso. Comunque mi stimola l’idea di curare una piccola rubbrica calcistica e per questo il titolo rimarrà invariato… 😉

Iniziamo l’analisi con la partita più importante di questo turno, ossia il derby Roma-Lazio. La Roma non schiera Totti a scopo precauzionale e Cicinho per scelta tecnica, dunque confermata la formazione che ha espugnato San Siro per 10/11. La Lazio invece riesce a recuperare Ledesma ma deve fare a meno di un febbricitante Behrami.

La partita trascorre sonnecchiosa per i primi dieci minuti, senza episodi degni di essere riportati.. All’11° minuto però la Lazio, ripartendo in contropiede, grazie ad un Pandev che serve con un lancio lungo ma preciso il centravanti Rocchi. La punta veneta riesce a gestire un pallone tutt’altro che semplice con l’esterno del piede e a insaccare in rete portando la compagine biancoazzurra in vantaggio. Da segnalare un’indecisione di Mexes che da la possibilità a Rocchi di segnare.

Da questo momento la partita si scuote e la Roma inizia ad essere più concreta, tanto che al 16° Vucinic si trova a tu per tu con l’anziano Ballotta che lo ipnotizza neutralizzandogli ben due tiri. Il montenegrino però attraversa un ottimo stato di forma e, trascorsi tre minuti, grazie ad un bel triangolo che coinvolge Mancini si trova ad andare in rete con un tiro di sinistro.

La Roma capisce di dover continuare a spingere con continuità e al 42° Mancini porta in vantaggio i giallorossi grazie ad uno stupendo assist di Mexes che in quel momento si trovava inaspettatamente in avanti: infatti i telecronisti e anche gli opinionisti di Sky hanno assegnato l’assisti a Vucinic.

Nel secondo tempo la Lazio parte con un altro piglio e cerca di mettere sotto una Roma che comunque le tiene il passo e si rende pericolosa con Perrotta fermato dall’inossidabile Ballotta. Il centracampista calabrese ha però l’opportunità di rifarsi tre minuti più tardi, quando Vucinic facendo una stupenda rovesciata serve volutamente il pallone al calabro-inglese che arriva dalle retrovie; questi con un tocco alza la palla su Ballotta per poi metterla dentro.

Ci si potrebbe aspettare adesso una partita serena ma chi conosce la Roma sa che il cardiopalma non termina nemmeno in zona Cesarini, infatti Ledesma al 25° calcia una meravigliosa punizione che sorprende Doni. Da qui in poi solo incattivimento e agonismo con una Roma che attende la Lazio aspettando di portare i tre punti a casa.

Migliore in campo: Vucinic. Nelle ultime tre partite non ha fatto assolutamente rimpiangere Totti. Lui è più centravanti del capitano e si vede… Un gol ed un assist stupendo: superlativo!

Note : Spalletti sembra abbia letto l’articolo di domenica, visto che tutti i calci d’angolo sono stati piazzati in area: dopo tre anni era ora di capirlo! 😀

Nella zona alta della classifica non cambia niente visto che Inter e Juventus hanno surclassato rispettivamente Genoa e Empoli e che la Fiorentina ha battuto il Napoli. Positivo il ritorno alla vittoria del Milan ma dubito che la squadra di Ancelotti possa avere continuità con il parco giocatori di cui dispone.

Al termine di questa giornata sono sempre più convinto che la squadra da battere sia l’Inter… La Roma ha adesso un calendariò più semplice, almeno sulla carta, visto che ha già incontrato le avversarie più ostiche. Ciononostante, sperando di sbagliarmi, sono convinto che anche quest’anno il tricolore andrà ai nerazzurri.

Per quanto concerne la salvezza spero che l’esonero di Ficcadenti porti a Reggio Calabria un allenatore capace di risollevare la formazione amaranto… Ovviamente servono dei rinforzi adeguati: non si può solo vendere!

Annunci
commenti
  1. Annalisa ha detto:

    Bè… innanzitutto GRAZIE per aver citato il cugino (che ancora non so se sia cugino e, se sì, come o con che livello di profondità nell’albero delle parentele)…
    E poi: sei un grande!!! OSltanto per il nome dato alla urbrica meriteresti un NOBEL!! AHAH!! Purtroppo il calcio, vabbè, non è il mio primo pensiero, (e al momento amo questa componente repulsiva femminile in me, anche per com’è andata con MArco: da oggi in poi non cercherò di piacere divenendo simile alla persona che ho accanto, e facendomi piacere le cose che piacciono a lui, ma cercherò di valoirizzare me stessa, i miei desideri e le cose che piacciono a ME!!!)…
    TVB!
    A presto!
    BACI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...